Home

glocaldue.gif

GLOCAL

Dalle comunanze picene al social networking

 


Dal 26 al 28 maggio 2007 presso la Cartiera Papale di Ascoli Piceno si svolgerà il convegno-evento, con azioni di performing media e workshop, dal titolo GLOCAL: comunità locali nell’era del globale Dalle comunanze picene al social networking.

Un evento promosso dall’associazione culturale Comunanze.net http://www.comunanze.net in collaborazione con il Gruppo Studentesco del Polo di Scienze e con il sostegno di: Provincia di Ascoli Piceno, Regione Marche, Università di Camerino (Gruppo Studentesco del Polo di Scienze), Accademia Belle Arti di Macerata e la partecipazione di: Associazione BlowUp, Arteria Community, Atlante Numeri e Lettere, Etichetta Discografica, LUG di Ascoli Piceno, Camelug, RitaliaCamp, Teknonet.

 

Un momento di riflessione ed azione sul rapporto tra territorio e reti, tra culture materiali e immateriali, tra locale e globale, per una ridefinizione e un rilancio ideale dei termini del grande gioco della comunicazione perché sia conforme al senso delle comunità.
Una delle sfide maggiori che investe il campo della comunicazione, infatti, è quella di riuscire a trasmettere alle nuove generazioni una coscienza sulle potenzialità culturali del territorio che vivono, guardando allo stesso tempo agli scenari globali. Fondamentale in tal senso è utilizzare i nuovi media dimostrando quanto possano essere anche opportunità per creare socialità e cultura, impedendo che le tecnologie possano divenire forma di alienazione e banalizzazione dei contenuti offerti dal web.
Il convegno-evento (caratterizzato da sessioni di studio, workshop, installazioni e performance) sarà un’occasione di confronto e di formazione rivolta ai vari protagonisti della vita cultura picena, coinvolgendo anche gli ambiti della “filiera corta”, delle culture biologiche, delle energie rinnovabili e delle imprese etiche, per arrivare in prospettiva a promuovere la nascita di una piattaforma di social networking che agisca da incubatore e promotore di un nuovo modo di vivere il territorio che sappia comunicare le proprie peculiarità ed allo stesso tempo si proietti nella rete globale.
Le sessioni di studio (supportate da un instant blog, grazie alla connessione internet Wi Fi) tratteranno di un ampia articolazione tematica, da quelle concernenti alle nuove forme della comunicazione a quelle legate allo sviluppo sostenibile del territorio.

 

Ecco i titoli dei temi in campo: Comunanze, Politiche e Poetiche delle reti, Social networking per l’Innovazione Territoriale, Radio di comunità, La Provincia del Fare e del Sapere condiviso, Filiera corta, Energie Rinnovabili, Impresa Etica 2.0, Autocostruzione, Co-housing, Edutainment (imparare giocando), Nuovi media e Partecipazione per la Società della Conoscenza, Creative Commons: per una ridefinizione dei diritti d’autore in ambito sociale ed educativo.

 

glocaluno.gif


In quelle giornate si svolgeranno dei workshop, come quelli sul Software Libero, il vj-ing, la Radio di Comunità a cura di Arteria community, mostre degli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Macerata ed eventi come quello di sabato sera (ore 22, Cartiera Papale) per il Live Set di vj-ing a cura di Etichetta Discografica.
Si evidenziano poi le performance radio-guidate della Koinè, come Carta dei Papi per Umani Certificati (domenica 27 maggio, ore 15, Cartiera Papale) e l’altra azione di performing media per l’innovazione territoriale che si svolgerà alle ore 20 (sempre domenica) ad Offida, presso le Cantine Aurora, per Barricadiero attraverso le vigne del rosso piceno.
Lunedì 28 maggio alle ore 10, nella Sala Congressi della Cartiera Papale si svolgerà infine la conferenza-spettacolo multimediale ( un esempio di vj-ing cognitivo rivolto, in particolare, agli studenti delle scuole medie superiori) Prometeo, il fuoco, la conoscenza, la ribellione condotto da Carlo Infante per la regia multimediale di Antonio Rollo.
Performance radio-guidate della Koinè: Carta dei Papi per Umani Certificati (domenica 27 maggio, ore 15, Cartiera Papale) e l’altra azione di performing media per l’innovazione territoriale che si svolgerà alle ore 20 (sempre domenica) ad Offida, presso le Cantine Aurora, per Barricadiero attraverso le vigne del rosso piceno
Le azioni di performing media della Koinè sul “sapere dei sapori”
E’ un’alchimia sottile quella che caratterizza la ricerca della Koinè (www.database.it/koine/koine.htm ),
un gruppo di artisti e pensatori emiliani che dagli anni ottanta tende a coniugare teatro e multimedia, dai tempi del Festival Scenari dell’Immateriale di Narni, dove è nato quel videoteatro che li vide protagonisti raffinati. Un salto di qualità lo faranno poi lungo la Via di Damasco del Pensiero Ecologico e in particolare di quell’”Ecologia della Mente” di Bateson a cui è ispirata una loro performance del 2000 coprodotta con Greenpeace.
Per tutti gli anni novanta avevano realizzato azioni di trekking teatrale per i Parchi Nazionali con il costante sostegno dell’Assessorato Agricoltura, Ambiente e Sviluppo sostenibile della Regione Emilia Romagna e di molti altri enti connessi alle culture e colture biologiche, operando più con gli addetti all’Agricoltura che con quelli alla Cultura..
Il format da evidenziare in particolare è quello del performing media di ecologia teatrale centrato sull’uso dell’ascolto in cuffia che li ha visti più volte protagonisti al Salone del Gusto di Torino. E’interessante perché stabilisce un emblematico equilibrio tra la dimensione artificiale delle soluzioni elettroniche (il sistema d’ascolto in cuffia e la regia multimediale con i laptop) con quella naturale delle sensorialità da affinare e dei prodotti biologici da degustare.
E’ un equilibrio decisivo per rilanciare l’attenzione sullo Sviluppo Sostenibile: per proiettare l’evoluzione tecnologica (dove si possono incontrare creatività e nuove politiche d’investimento) verso l’innovazione territoriale, capitalizzando lo straordinario potenziale delle memorie di tradizione popolare, dei paesaggi e delle culture materiali.
Gli spettatori attraverso l’uso di cuffie audio s’immergono nella loro sensorialità grazie alle sollecitazioni ad alta definizione poetica (elaborate da Paolo Pagliani insieme a Silvio Panini, il demiurgo) che gli vengono trasmesse, invitandoli a misurarsi con i sapori e gli scenari di un territorio, degustando ed esplorando i paesaggi. Come quelli trentini dove la Koinè ha realizzato Agriculture. Racconti mitici sui prodotti tipici del Trentino : un happening distribuito in otto località, invitando centinaia di spettatori a vagare per piccoli centri storici di alcune cittadine “ladine” o per gli alpeggi in altezza. Tour “teleguidati” da un sistema d’ascolto in cuffia di una radio “da campo” gestita magistralmente nel pilotare gli escursionisti teatrali nella degustazione sia della qualità sia della sostenibilità ecologica dei processi produttivi che portano al vino (chardonnay, marzemino, nosiola, teroldego, müller thurgau) alle mele, alle trote, ai distillati, alle carni stagionate, alla farina di mais, ai frutti di bosco, alle verdure e ai formaggi.
L’utilizzo di queste tecnologie radiofoniche in modulazione di frequenza è di una straordinaria versatilità visto che permettono una conduzione in diretta dei percorsi (come quelli realizzati all’Abbazia di Fiastra per un progetto dell’Università di Macerata dove gli spettatori raccoglievano e mangiavano gelsi mentre il monaco che li aveva piantati faceva, in cuffia, l’elegia delle more bianche e nere…). Prende così forma un’inedita drammaturgia dell’interattività capace di pensare ed organizzare il percorso basato sulle reazioni degli spettatori, i loro feedback, le loro emozioni, elaborando quel senso che fa del teatro una grande tecnologia di comunicazione interattiva : basata cioè sul senso biunivoco delle energie, tale da tracciare la via di una possibile multimedialità ecologica in cui uomini e media, parole e cose sono iscritte nello stesso ecosistema culturale.
(…) parafrasando le parole di Alexander Langer, sosteniamo che la bellezza e il gioco del teatro applicati all’agricoltura aiutino l’affermarsi della sua conversione ecologica perché la rendono socialmente desiderabile.
Riteniamo inoltre che dall’alleanza, dall’unione di etica e estetica possano sempre nascere buoni e sani prodotti agricoli e teatrali. Da una parte, noi artisti di Koinè, veicoliamo e trasmettiamo il concetto che l’Agricoltura è un’Arte, una disciplina estetica, come scrisse il poeta/contadino Virgilio nelle Georgiche. Dall’altra ci sono i cooperatori agricoli del Trentino che ci chiedono di raccontare non solo il prodotto ma anche l’etica dell’agricoltura sostenibile che hanno applicato e che vorranno applicare al loro territorio. (Koinè)

glocaldue.gif

Lunedì 28 maggio alle ore 10, nella Sala Congressi della Cartiera Papale
conferenza-spettacolo multimediale ( un esempio di vj-ing cognitivo rivolto, in particolare, agli studenti delle scuole medie superiori)
Prometeo, il fuoco, la conoscenza, la ribellione condotto da Carlo Infante per la regia multimediale di Antonio Rollo.
“Prometeo: il fuoco, la ribellione, le tecnologie”
conferenza-spettacolo multimediale, un live act di vjing cognitivo

conduce Carlo Infante libero docente di Performing Media

regia multimediale Antonio Rollo

Le immagini e le parole animate dai software multimediali orbiteranno intorno ad una conversazione che cerca di interpretare la valenza del mito di Prometeo oggi, in un mondo in cui le tecnologie alimentano quei nuovi linguaggi digitali che esprimono l’alterità della trasformazione culturale e rilanciano, in termini di nuova responsabilità ecologica, la problematica del rapporto tra il naturale e l’artificiale.

Prometeo, “colui che pensa prima”, ruba il fuoco agli Dei per consegnarlo agli uomini e trasmettergli l’energia della divinità.
A fronte della nuova coscienza acquisita s’innesca la perdita dell’innocenza primitiva e una continua condizione conflittuale.
E’ questo il prezzo che gli uomini pagano per la scintilla dell’intelligenza e per la tecnologia che trasforma: “la fiamma lucente radice d’industrie”.
Prometeo è più vicino agli uomini che agli Dei: usa l’astuzia della simulazione con il coraggio dell’idealismo e si trova appeso tra cielo e terra, a scontare la pena terribile che tale sospensione comporta: “non dio, non titano, non uomo, scrive Goethe – bensì l’immortale prototipo dell’uomo Ribelle…”
Il dialogo sarà scandito dalla proiezione di cinque tag (parole chiave) evocative e animate con soluzioni grafiche e filmati:
ribellione
tecnologie
conoscenza
simulazione
empatia
la conferenza-spettacolo multimediale è un format di comunicazione pubblica a cura del performingmedialab
http://www.performingmedia.org…

 

 

 

Annunci

2 thoughts on “GLOCAL

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...